martedì 9 febbraio 2016

dove va il bus

Guardate questo disegno. E rispondete a questa domanda: quale è la direzione di marcia della vettura?
Questo test è stato proposto in alcune scuole negli USA. Ebbene pare che la soluzione sia stata data dalla maggioranza degli allievi più piccoli. Gli adulti hanno avuto più difficoltà.
E secondo voi, verso dove va il bus?

venerdì 5 febbraio 2016

il lavoro fa schifo

recensione di un Saggio di Cali Ressler e Jody Thompson
editrice Elliot -
prezzo € 16.50
Il lavoro non è un luogo fisico dove ci rechiamo ogni mattina, ma è ciò che facciamo. Sono le nostre idee, i nostri progetti.
Il lavoro non può essere la negazione della nostra vita. Questo libro esamina i motivi che rendono la maggior parte dei luoghi di lavoro poco funzionali e propone un metodo nuovo (e sorprendentemente efficace) per eliminare le false convinzioni che impediscono di sviluppare appieno le potenzialità del lavoratore.

In un ufficio rivoluzionato il dipendente è pagato per la quantità di lavoro che produce, non per la porzione di vita che regala. Questa semplice idea contribuisce a sviluppare un personale più stimolato, concentrato, disciplinato e, soprattutto, soddisfatto.

Ormai il concetto tradizionale di lavoro (36/40 ore settimanali, lunedì¬-venerdì, 9-17) è¨ superato. Vediamo persone inadeguate alle loro mansioni che vengono promosse solo perchè arrivano prima e si trattengono più a lungo di tutti gli altri alla loro postazione. Partecipiamo a lunghissime, e molto spesso inutili, riunioni dove sopportiamo colleghi che pongono domande insulse solo per sottolineare la loro presenza.

Viviamo nella cosiddetta Era dell’Informazione, della tecnologia che avvicina le persone, ma nella sostanza la natura del posto di lavoro, gli orari e la presenza obbligata dietro una scrivania non sono cambiati dall’Era Industriale, quando la catena di montaggio esigeva la presenza fisica dell’operaio.
Non è¨ necessario che lavoratori e aziende stravolgano la propria natura per attuare questa rivoluzione: basta cambiare modo di lavorare.

(recensione tratta dal sito Qlibri)

********

In breve il libro espone i risultati di un esperimento realizzato in alcni ambienti di lavoro (pubblici e privati) negli USA. Le ricercatrici hanno introdotto il lavoro senza obblighi di orario. Ad ognuno viene dato un incarico e il lavoratore può svolgerlo dove desidera (pure a casa) e negli orari a lui più graditi (pure di notte) , rispettando comunque i tempi di consegna. Nessun obbligo di presenza , nessuno badge, nessuna firma, nessun controllo sulla presenza. Risultato? La produttività è aumentata ovunque si sia realizzato questo esperimento! 


Questo dimostra come sia fumosa e populista QUESTA  campagna contro i fannulloni della Pubblica Amministrazione. Il problema non è QUANTO si sta chiusi negli uffici, ma COSA si fa negli uffici. Innanzi tutto diciamo che Fannullone è chi non fa nulla, mentre chi timbra e va a fare la spesa è un truffatore. Ora immaginate due situazioni:
a)      Tizio entra in ufficio alle 7, 30. Fa il suo lavoro bene e con costanza. La sua produttività è molto alta. I suoi dirigenti sono contenti deL suo lavoro. Alle 11 Tizio si concede una pausa di 5 minuti per un caffè. Esce, ma non timbra il cartellino. Torna in ufficio e riprende con  solerzia, costanza e perizia il suo lavoro fino alle 14, quando timbra l’uscita e torna a casa sua. 

b)      Caio arriva in ufficio alle 7, 30 ,timbra, si siede alla sua scrivania ed invece di lavorare si fa i cazzi suoi: parla al telefono con gli amici, gioca al pc con solitari e roulette virtuali , chatta, e naviga sui social network. Ogni tanto prende un caffè dalla macchinetta interna al suo ufficio. Alle 14 esce timbrando regolarmente il cartellino. Per la riforma Renzi-Madia, Caio è un IMPIEGATO MODELLO!
Domanda: chi dei due è il fannullone che danneggia la pubblica amministrazione ed i cittadini? Chi dei due andrebbe licenziato?
Bene, per i giornalisti, per il Ministro Madia, per il premier Renzi, per la legge, per l’opinione pubblica, il dipendente fannullone da licenziare è Tizio!
E’ giusto?
Ok Tizio, fiscalmente, ha sbagliato a non timbrare per andare al bar. Ma quei 5 o 6  minuti persi potrebbero semplicemente essere oggetto di richiamo, di un recupero orario, di un rimprovero da parte del dirigente. Ma non certo di un licenziamento!!!!! E’ Caio che si meriterebbe il licenziamento. ma nessun giornalista, nessun opinionista si preoccupa di quello che Caio fa o non fa in ufficio. Tutti gli occhi sono puntati sulla macchinetta obliteratrice. ma vanno licenziati anche quelli non vanno al bar a perdere solo 5 minuti, ma in palestra o a fare la spesa, in barca, a casa  e via dicendo.

Io in altre parole, se fossi il dirigente superiore di Tizio, seguendo la giusta logica del libro,  in quei minuti passati al bar avrei pure offerto la colazione all’impiegato modello Tizio, altro che licenziamento!
pippo vinci

lunedì 1 febbraio 2016

Miti da sfatare: S. Martino e Calimero

S Martino divide in 2 il caldo mantello
Cominciamo con S Martino.
Secondo la nota leggenda, un giorno d’inverno, un cavaliere di nome Martino cavalcava per un sentiero in mezzo ad un bosco, armato di spada e avvolto nel suo caldo e rosso mantello. Faceva freddo. Molto freddo.Ad un certo punto il fiero cavaliere vide un povero vecchio mezzo ignudo che soffriva come un cane per il freddo cane.
Il buon Martino cosa fece? Prese la spada, tagliò il mantello in due parti (spero uguali) e ne diede una all’infreddolito viandante.
Tosto, il buon Dio fece spuntare il sole e la temperatura divenne tersa: l’estate di S Martino. Che si festeggia ogni anno l'11 novembre



Fino a poco tempo fa, leggendo questa storiella utile a dimostrare (nonostante la spada) la bontà di Martino, nulla mi sembrava fuori posto. Tutto concordava e tutto conduceva alla considerazione che si, Martino ha fatto un bel gesto e Dio, onnipotente, lo ha immediatamente gratificato (su questa terra) facendo spuntare il sole e imponendo alla temperatura di alzarsi, presumibilmente, di diversi gradi centigradi.
Poi ho prestato più attenzione all’episodio tramandato e mi sono venuti dei seri dubbi:

1° dubbi
o
Se Martino era veramente così buono da meritarsi poi la qualifica di santo perchè tagliare il mantello? Perchè non donarlo tutto al povero e nudo viandante? S Francesco, nove secoli dopo, donerà tutto ai poveri, non la metà!

2° dubbio
Sappiamo, dalle Sacre Scritture che la ricompensa per una vita cristiana , sarebbe la vita eterna. O in ogni caso sarebbe una ricompensa importante, da riscuotere “nell’altro mondo” perché il Suo regno non è di questo mondo. Qui la banale ricompensa (mitigazione del clima) avviene in questo mondo e  quasi in tempo reale!

3° dubbio (forse il più pesante!)
Perchè fare spuntare il sole ora che il vecchietto congelato aveva di che scaldarsi? Si presuppone infatti che se Martino non avesse incontrato il pover’uomo , questi sarebbe rimasto infreddolito fino a morirne, no? Di conseguenza la mutazione climatica non è stata fatta per il poveretto, ma per il ricco e buon (?) Martino che oramai aveva solo mezzo mantello a disposizione, che quindi non lo tutelava totalmente. Povero Martino!

In sintesi : finchè il mantello lo aveva Martino, il tempo poteva rimanere inclemente ed il vecchio poteva morire di freddo. Appena Martino si è mezzo denudato ed il vecchio aveva di che coprirsi ecco che arriva l’estate.

Spero solo che Martino non sia diventato santo per questa leggenda, se dovessi scoprire questo, proporrei una sottoscrizione per annullare la santità del santo dell’11 novembre!


E veniamo a Calimero

Negli anni 60 imperversava in TV la nota pubblicità del detersivo AVA (come lava!) che aveva in Calimero il suo virtuale (era un cartoon) testimonial.

Calimero , verso la fine dello spot, piange disperato perché tutti lo emarginano e lo evitano in quanto piccolo e nero. Ma subito una voce fuori campo lo consola dicendo, ".. no, Calimero tu non sei nero SEI SOLO SPORCO".

E' superfluo farvi notate, che questa ultima è la frase più razzista detta in TV da quando esiste la TV. Secondo il creativo che ha ideato lo spot, è meglio essere sporchi piuttosto che neri!


P.S. Ma lo avete visto Calimero bianco dopo il lavaggio con AVA. Secondo me fa schifo!
Credimi Calimero, meglio nero che bianco!

pippo vinci

post già pubblicato il 17 novembre 2010

venerdì 29 gennaio 2016

e solo tre anni fa era.. la più bella del mondo!

Oggi Roberto Benigni, Peppuccio Tornatore e Paolo Sorrentino, si sono recati a Palazzo Chigi per parlare (dicono) di cinema. All'uscita i tre cineasti di punta del nostro cinema hanno omertosamente taciuto su cosa si siano detti con il capo del Governo Matteo Renzi.

Poi un giornalista ha chiesto a Benigni se poteva svelare il suo voto al referendum "confermativo"  sulla riforma costituzionale . Una domanda un po' strana  e fuori tema, tanto da sembrare perfino pattuita in anticipo

Ebbene il mostro sacro Benigni, quello che ci ha fatto la testa tanta sulla bellezza della nostra Costituzione, che egli stesso definì la più bella e la più copiata del mondo, ha detto che voterà SI !!! Benigni a favore dei questa riforma scempio che avvicinerà il nostro bel Paese ad una dittatura psudeodemocratica. Da non credere!
Ecco di cosa hanno parlato!

Da notare, infine,  che lo spettacolo di Benigni sulla Costituzione (trasmessa dalla RAI il 17 dicembre 2012) si intitolava proprio "la più bella del mondo" clicca qui


pippo vinci

mercoledì 27 gennaio 2016

Il Palermo come un SUV: 4 x 4

Ballardini, Bosi, Tedesco e Viviani
Sabato il Palermo conquisterà un altro record: In 4 partite avrà 4 allenatori diversi in panchina!

Non ci sembra che nessun altra squadra abbia nel passato raggiunto questo record.

Ricapitolando: c’è stato Ballardini in panchina a Verona, Viviani  a Genova, Bosi in casa contro l’Udinese e, stando alle ultime notizie, ci sarà Giovanni Tedesco sabato contro il Carpi. Un vero ingorgo di mister, anche se, per fortuna, l’unico e vero allenatore sarà Schelotto, incappato nella burocrazia delle istituzioni calcistiche, che gli negano la possibilità di allenare in Europa senza aver prima frequentato un corso.

Prendiamo la situazione con il sorriso sulle labbra, anche se, non ce ne voglia il simpatico Giovanni Tedesco, abbiamo difficoltà a capire il motivo di un nuovo allenatore sul libro paga della società rosa.

Se è vero come è vero che tutte le decisioni le prende Schelotto, in panchina come dirigente accompagnatore, perché non continuare con Viviani o con Bosi?

Sicuramente ci sarà un motivo, ma è ben nascosto!

 

Pietro D’Alessandro

lunedì 25 gennaio 2016

.. cioè quei coglioni che continuano a pagare le tasse

...I gufi del Financial Times hanno commentato: "L'immensa economia sommersa dell'Italia rimane uno dei fardelli più pesanti per il Paese e nulla di buono potrà arrivare da una misura (quella sui 3 mila euro in contanti, ndr) che serve solo a peggiorare il problema".

.....E quelli dell'Economist hanno aggiunto: "Un governo coraggioso proverebbe a risolvere l'eccessiva pressione fiscale abbassando le aliquote, migliorando i controlli e ampliando la base fiscale. Invece, rendendo più facile imbrogliare, Renzi farà ricadere il peso dello Stato sulle spalle di meno italiani".

Cioè di quei coglioni che continuano a pagare le tasse, fra i quali ci iscriviamo volentieri. Quindi, per favore, nessuno venga più a chiederci perché ce l'abbiamo tanto con Renzi: se no gli sputiamo in faccia.

marco travaglio
dal sito megachip - leggi tutto

venerdì 22 gennaio 2016

Accadde oggi: Wilbur Scoville e il peperoncino


Ricorre oggi l'anniversario della nascita di Wilbur Scoville (22 gennaio 1865), il chimico statunitense  che ideò la scala che misura la "piccantezza di un peperoncino". La scala è costruita utilizzando un metodo empirico, un test organolettico, diluendo  sempre più (con acqua zuccherata) un quantitativo fisso dei vari tipi di peperoncino ed assaggiando la miscela. 

Scoville con la sua faccia "a peperoncino"
Nel momento in cui il "piccante" non si avverte più, quella diluizione rappresenta il valore della scala Scoville.

Quindi più acqua serve per annullare il piccante, maggiore è il Grado Scoville (SHU = Scoville Heat Units) di quel peperoncino. Immagino quanto abbia sofferto il povero Wilbur per definire tutti i gradi della scala!
Oggi si usano metodi più scientifici e meno... irritanti, misurando la effettiva presenza % di capsaicina  nel frutto. Ma la Scala Scoville è  quella che viene comunemente presa come riferimento per indicare quanto è piccante un peperoncino.

Fino ad oggi il grado più alto nella scala Scoville è stato raggiunto nel 2013 dal Carolina Reaper (un ibrido della specie capsicum chinense o habanero) che detiene il record di contenuto in capsaicina: è un peperoncino originario del Sud Carolina. Ottenuto da un incrocio di altri due peperoncini habanero il Carolina Reaper ha raggiunto circa i 2 milioni SHU della scala Scoville. Il nostro peperoncino si ferma a ... mille!

pippo vinci

mercoledì 20 gennaio 2016

SCREENING GRATUITO PER IL CANCRO AL POLMONE"

Ciao,

Ho appena firmato la petizione "Ministero della Salute: SCREENING GRATUITO PER IL CANCRO AL POLMONE" e vorrei chiederti di aiutarci aggiungendo il tuo nome.

Il nostro obiettivo è quello di raggiungere 5.000 firme e abbiamo bisogno del tuo sostegno. Puoi saperne di più e leggere la petizione qui:

https://www.change.org/p/ministero-della-salute-screening-gratuito-per-il-cancro-al-polmone?recruiter=46666297&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive

Grazie!
valeria



martedì 19 gennaio 2016

la prepotenza criminale degli USA nel mondo

DI PAUL CRAIG ROBERTS
paulcraigroberts.org

Unico tra le Nazioni della terra, il governo americano insiste che le proprie leggi e i propri dettami abbiano la precedenza sulla sovranità delle altre Nazioni. Washington sostiene il potere dei tribunali degli Stati Uniti nei confronti dei cittadini stranieri e rivendica la giurisdizione extraterritoriale dei tribunali USA su attività estere che Washington o gruppi di interesse americani non approvano. Forse la peggiore dimostrazione dello sprezzo che Washington prova per la sovranità degli altri Paesi è l'aver dimostrato il potere degli USA su cittadini stranieri basato esclusivamente su accuse infondate di terrorismo.

Vediamo alcuni esempi.

Washington prima costrinse il governo svizzero a violare le proprie leggi bancarie, poi costrinse la Svizzera ad abrogare le proprie leggi sul segreto bancario. Si presume che la Svizzera sia un paese democratico, ma le leggi di quel Paese sono decise a Washington da persone non elette dal popolo svizzero.
Consideriamo lo "scandalo del calcio" che Washington si è inventato, a quanto pare, allo scopo di imbarazzare la Russia. La sede del calcio internazionale è la Svizzera, ma questo non ha impedito a Washington di inviare agenti dell'FBI in Svizzera ad arrestare cittadini svizzeri. Provate ad immaginare la Svizzera che manda i propri agenti federali negli Stati Uniti ad arrestare cittadini americani.

Si consideri poi la multa di 9 miliardi di dollari che Washington ha appioppato ad una banca francese per non aver ottemperato pienamente alle sanzioni USA contro l'Iran. Questa asserzione del controllo di Washington su un istituto finanziario estero è ancor più incredibilmente illegale in considerazione del fatto che le sanzioni imposte all'Iran da parte di Washington con la richiesta che altri paesi sovrani vi aderiscano, sono esse stesse totalmente illegali. Infatti, questo è un caso di triplice illegalità, dato che le sanzioni sono state imposte sulla base di accuse inventate e menzognere.
Oppure quando Washington impose la sua autorità facendo pressione sul contratto tra un costruttore navale francese ed il governo russo, costringendo la società francese a violare il contratto con perdite di miliardi di dollari per la società stessa e di un gran numero di posti di lavoro per l'economia francese. Solo perché Washington voleva dare ai russi una lezione per non aver seguito i suoi ordini in Crimea.

Provate ad immaginare un mondo in cui ogni paese imponga l'extraterritorialità delle proprie leggi. Il pianeta sarebbe nel caos permanente con il PIL mondiale speso in battaglie legali e militari.
I neocon di Washington sostengono che siccome la storia ha scelto l'America per esercitare la sua egemonia sul mondo, nessun'altra legge conta. Conta solamente la volontà di Washington. La legge stessa non è più necessaria, in quanto Washington sovente sostituisce degli ordini alla legge, come quando Richard Armitage, vice segretario di Stato (non eletto) intimò al presidente del Pakistan di fare come gli veniva ordinato, oppure "vi faremo tornare all'età della pietra a suon di bombe". (http://news.bbc.co.uk/2/hi/south_asia/5369198.stm)
Provate a immaginare i presidenti della Russia o della Cina dare un tale ordine ad una nazione sovrana.

Infatti, l'America ha bombardato vaste aree del Pakistan, uccidendo migliaia di donne, bambini e anziani. La giustificazione di Washington era di ribadire la extraterritorialità di azioni militari statunitensi anche in paesi con cui l'America non è in guerra.
Per quanto tutto ciò sia orrendo, il peggiore dei crimini perpetrati da Washington contro gli altri popoli è quello di rapirne i cittadini per consegnarli a Guantanamo, a Cuba, o per rinchiuderli in celle segrete in stati criminali come l'Egitto e la Polonia, dove vengono seviziati e torturati in violazione sia delle leggi degli Stati Uniti che del diritto internazionale. Questi crimini aberrranti dimostrano al di là di ogni dubbio che il governo degli Stati Uniti è la peggiore impresa criminale che sia mai esistita sulla terra.

Quando il regime criminale neoconservatore di George W. Bush lanciò la sua illegale invasione dell'Afghanistan, il regime criminale di Washington ebbe un disperato bisogno di "terroristi", per poter fornire una giustificazione all'invasione illegale che costituiva un crimine di guerra secondo il diritto internazionale. Però non c'erano terroristi, così Washington fece volantinaggio sui territori dei signori della guerra offrendo migliaia di dollari di taglia per "terroristi". I signori della guerra locali colsero l'occasione e catturarono ogni persona non protetta per rivenderla agli americani intascando così il premio.

L'unica prova che i cosiddetti "terroristi" erano tali era data dal fatto che persone innocenti furono vendute dai signori della guerra agli americani con l'etichetta di "terroristi".
Pochi giorni fa Fayez Mohammed Ahmed Al-Kandari è stato rilasciato dopo 14 anni di torture da "Libertà e Democrazia in America”. L'ufficiale militare degli Stati Uniti, il colonnello Barry Wingard, che ha rappresentato Al-Kandari, ha detto che "non c'è altra prova contro di lui se non che è un musulmano in Afghanistan al momento sbagliato, aparte le dichiarazioni per doppio e triplo sentito dire, cose che non ho mai visto come potessero giustificarne l'incarcerazione". C'era anche molto meno motivo, ha ribadito il colonnello Wingard, di torturarlo per così tanti anni nel tentativo di forzare una confessione per presunti reati.

Non aspettatevi che i prostituiti media occidentali riportino questi fatti. Per scoprirlo, si deve andare su RT  https://www.rt.com/usa/328329-kuwaiti-detainee-guantanamo-transfer/ oppure su Stephen Lendman http://sjlendman.blogspot.com oppure leggerli sul nostro sito.
I “presstitute” media occidentali fanno parte dell'operazione criminale di Washington.

Paul Craig Roberts
Fonte: http://www.paulcraigroberts.org
Link: http://www.paulcraigroberts.org/2016/01/09/the-proof-is-in-the-us-government-is-the-most-complete-criminal-organization-in-human-history-paul-craig-roberts/

lunedì 18 gennaio 2016

Sorrentino è un portiere mediocre



1.Sorrentino scavalcato da un cross di Dybala dalla destra
Basta, non ne posso più. Ad ogni partita del Palermo si sente dire che senza Sorrentino il Palermo avrebbe avuto un passivo maggiore, che Sorrentino ha fatto 15 dei 21 punti conquistati in classifica dal Palermo, che Sorrentino di qua e sorrentino di là.

Ok secondo il mio personale parere Sorrentino è semplicemente un discreto portiere. Nulla di più. Il giudizio su questo serio atleta si basa solo sulle buone parate. Tutti dimenticano le fesserie o i clamorosi errori (vedi Samp) o difetti (non esce mai e se esce o non  piglia la palla o la respinge con i pugni pur in situazioni favorevoli alla presa).
2 Zaza scaglia il tiro del 3 a 0. Vi sembra imparabile?


Ora io credo che Sorrentino sia quasi imbattibile se il tiro gli capita nell'ambito delle sue leve, ma se deve fare un balzo per andare oltre le sue misure, Sorrentino appare abbastanza "piantato".
3. Manzukic sta per incornare un cross a 3 metri dal "portierone" 


 


Riporto in questo post le immagini di  4 episodi capitati nella partita che il Palermo ha giocato e perso (0 a 3) contro la Juve. In queste immagini ci sono tutti i difetti dell'idolo del Barbera. Contenti loro!




4 Sturaro sigla il 2 a 0. E' un tiro irresistibile?




giovedì 14 gennaio 2016

La burocrazia non deve gestire denaro.

I continui e ripetuti  fatti "criminosi" che coinvolgono  funzionari della Pubblica Amministrazione  non fanno che confermare che il sistema di corruzione nella PA sia un fenomeno nazionale e praticamente impossobile da arginare. Ci hanno provato  quasi tutte le forze politiche. Chi più chi meno convintamente, ma la piaga non risparmia neppure aree della pubblica amministrazione ed aree geografice che sembravano impermeabili al fenomeno.

Ma allora sarebbe il caso di adottare una vera e propria rivoluzione nella catena dei progetti finanziati e tornare al passato quando, mi pare di ricordare, la gestione del denaro da parete della Pubblica Amministrazione era di livello enormemente inferiore.
Insomma la soluzione è proprio questa. Evitare che le PA gestiscano i soldi da destinare agli investimenti. Sappiamo che l'occasione fa l'uomo ladro. Evitiamo, quindi, che i funzionari pubblici abbiano questa tentazione.
1) le P.A. devono solo dettare le regole ed attuare eventuali controlli; non dovrebbero mai occuparsi della fase che porta all'assegnazione del finanziamento

2) gli unici soggetti deputati a "maneggiare denaro" dovrebbero essere le banche. Lo hanno sempre fatto ed i sistemi di controllo sono molto più collaudati (anche se non infallibili) ed omogenei di quelli che utilizzano le diverse pubbliche amministrazioni

3) la Pa dovrebe intervenire favorendo questo o quel settore economico attraverso la semplice agevolazione finanziaria con la riduzione dei tassi di interesse.

In pratica tutto avverrebbe così
1)  lo Stato decide di favorire gli investimenti , per esempio, sui trasporti, in Sardegna
2) la stessa regione detta le condizoni minime per avere il finanziamento
3) gli imprenditori che ritengono di avere possedere i parametri richiesti, vanno in banca, presentano il porgetto e ricevono il prestito dalla banca
4) lo Stato, per favorire questo investimento, interviene semplicemente contribundo al pagamento degli interessi a carico dell'imprenditore.

Negli anni '60 e '70 era questo il metodo dei piani quinquennali che davano semplici agevolazioni sugli interessi. E' chiaro che l'imprenditore si impegnerà ad eseguire il progetto se lo stesso viene ritenuto sostenibile, ossia remunerativo al punto da potere almeno ripagare il prestito e quella parte di interessi non coperti dallo Stato. Tutto qui!

pippo vinci

martedì 12 gennaio 2016

allenatore statuario

Il nuovo allenatore del Palermo (Guillermo Barros Schelotto) è già un mito.. del calcio argentino. Il Boca Junior, infatti gli ha già dedicato una statua (di bronzo?)  nel museo della squadra di Baires. Un mito, da giocatore. Sarà un mito, anche in panchina?

giovedì 7 gennaio 2016

aiutare il 3° mondo, con KIVA non costa nulla!

Kiva è una organizzazione internazionale che aiuta il microcredito verso gli abitanti di paesi in via di sviluppo. Il meccanismo, è semplice e sicuro. Funziona così:
1.Un cittadino di un paese povero chiede una piccola somma (piccola per noi, elevata per lui) per iniziare una attività commerciale e/o artigianale. Si tratta mediamente di 400- 1000 dollari
2. la richiesta viene messa sul sito di Kiva con tutti i dettagli
3. inizia una colletta mondiale per raccogliere il capitale necessario
4. ogni "prestatore"(lender) può donare quanto vuole da un minimo di 25 dollari
5. dopo un periodo più o meno lungo (6/12/24 mesi) i soldi vegono restituiti al prestatore (sempre). Ovviamente senza interessi.
6. durante tutto il periodo di sviluppo del progetto il prestatore può seguire l'iniziativa
7. il prestatore, riavuto il suo denaro,può riprestare i soldi o ritirarli
8. il tasso di restituzione del prestito è del 98,43%!
Io ho già prestato 100 dollari "a colpi" di 25-50 dollari a iniziativa, finanziando, in 9 anni, ben 118 progetti. Con soli 100 dollari ho finanziato progetti per oltre 5.000 dollari reinvestendo sempre le somme che mi venivano puntualmente  restituite e perdendo SOLO  2 (DUE) dollari!!
per saperne di più clicca qui (sito di kiva in inglese)

o qui (spiegazione del meccanismo in italiano)

pippo vinci

domenica 3 gennaio 2016

La trazzera vintage (18): il villino


sequestro di un villino abusivo
Nei dintorni di Palermo, città dove vivo fin dalla nascita, c’è una mania molto diffusa: il villino. Il villino se lo possono permettere quasi tutti ma, principalmente, esso rappresenta una caratteristica peculiare del dipendente pubblico e del piccolo commerciante . I liberi professionisti ed i grandi commercianti hanno la villa.
Prima caratteristica del villino è la durata della sua costruzione che ha i tempi di una opera pubblica di grandi dimensioni. L'intervallo di tempo che passa dallo scavo delle fondazioni al completamento del manufatto oscilla tra i 2 ed i 5 anni. Il motivo è semplice: il povero impiegato non ha sempre a disposizione il denaro per pagare i “mastri” e così i lavori si interrompono spesso in attesa che arrivino i famosi “arretrati” per un ricorso fatto anni prima contro la Amministrazione che ti campa. Ricorsi che durano lustri, ma che, alla fine, si vincono sempre.
Ma niente paura, per utilizzare il villino non è necessario attendere che sia completato. Anche perchè il villino non si completa mai. E non è necessario neppure attendere il certificato di abitabiltà. Non serve : il villino, per norma, è abusivo. In più è inutile aspettare che sia completato perchè quando si finiscono i lavori è già tempo delle prime costose manutenzioni.

Insomma il villino, è meglio sfruttarlo subito. Nei giorni dedicati alla gita in campagna (pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, e 15 agosto) girando per le campagne di Giacalone, San Martino, Lascari e Fraginesi o tra strade e stratuzze della ex conca d'oro si vedono banchetti organizzati nei cantieri o tra nudi pilastri. Quelle non sono le maestranze in un momento di pausa dal lavoro, no quella è la famiglia del proprietario che ha con orgoglio invitato tutti i parenti a trascorrere la festa al villino. Meglio, la festa al cantiere.
Altra caratteristica del villino è la sua abusività. Il villino è una costruzione abusiva, se no non è un villino. E sarà il geometra (magari lo stesso progettista e direttore dei lavori) che si occuperà di sanare il mostro inseguendo come una chiattidda le mille e mille norme che si susseguono citandosi ed annullandosi a vicenda. Anni ci vogliono!
Si, il mostro.
Il 97% dei villini è, esteticamente, un orrore, un mostro: sagoma semplice di un solido regolare, infissi in alluminio anodizzato, spianata di cemento per le automobili e 2 piani sopraterra. Colore bianco latte, beige o leggermente rosato, che spicca nella campagna brulla dove prima (si racconta) ondeggiavano dorate distese di grano o rigogliosi terrazzamenti ad agrumi.

Il giardino!
Il giardino del villino è una sconclusionata oasi tropicale in miniatura (gli alberi sono piantati piccoli piccoli per risparmiare e perchè è bello vederli crescere) in mezzo ad un paesaggio mediterraneo. I più anziani, però, preferiscono gli alberi da frutto che vengono impiantati senza alcuna cognizione agronomica e che fanno tutti una mala fine attacati da acari e mosche che vengono combattuti con massicce gettate di veleni.

Ma il gioiello da mostrare ai parenti è l'orto da dove si ricaveranno melanzane e pomodori senza sapore, ma dal costo unitario di produzione paragonabile ad un diamante fabbricato in laboratorio.

Una volta finito (!?), il villino inizia la sua lenta ma inesorabile decadenza. Mancano i soldi per riparare l’autoclave, il bagno, il tetto, la crepa sul muro, la macchia di umidità sulla parete. Ma i soldi non ci sono. Gli arretrati sono un lontano ricordo del passato e gli inevitabili ritardi negli interventi trasformano il tutto in un luogo tetro, maleodorante e semiabbandonato, pieno di mobili riciclati e di giochi di quei bimbi che, ormai universitari, preferiscono la settimana bianca o l'Erasmus al noioso e triste soggiorno nel villino di mamma e papà.

I quali papà e mamma tornano saltuariamente al villino per trascorrevi qualche triste week end tra ricordi nostalgici e macchie di umidità sempre più gigantesche

La terza e ultima fase è la riscoperta del villino da parte dei nipoti. Che, giunti all’adolescenza, vi organizzano festini, orge e raduni, al riparo dalle fastidiose raccomandazioni di nonni e genitori.
 
pippo vinci

post già pubblicato il 1° maggio 2013

martedì 29 dicembre 2015

il siciliano dell'anno... secondo Live Sicilia

E' in corso, in questi giorni, un sondaggio sul sito LiveSicilia, per la scelta del "siciliano dell'anno". Ecco i nomi tra cui è possibile votare collegandosi al sito del giornale online. Ridete alla fine dell'elenco per favore, non durante la sua lettura.

Lucia Borsellino.
Totò Cuffaro.
Fabrizio Ferrandelli.
Corrado Lorefice.
Sergio Mattarella.
Gianfranco Miccichè.
Patrizia Monterosso.
Giuseppe Pignatone.
Davide Sciortino.
Roberta Vinci.

    Non mi rischio, per vigliaccheria e rischio di ritorsioni (informatiche) , di dare giudizi su tutti , constato  solo che nell'elenco risultano un pregiudicato, una condannata dalla Corte dei Conti, una non siciliana, un cantante di XFactor; e poi, sugli altri,  stendo un velo di pietoso silenzio.

   Ma quello che sorprende e stona è l'assenza del Magistrato che sta dando lustro a tutto il popolo dei siciliani onesti; dei siciliani  che non si arrendono e vogliono conoscere la verità fino in fondo. Parlo di Nino Di Matteo. Oppure di un atleta che ha onorato e portato in alto lo sport isolano , il ciclista messinese Vincenzo Nibali (lo squalo dello stretto) campione italiano e dominatore del giro di Lombardia.

   Ma forse è giusto che Di Matteo e Nibali non vengano messi in questo ridicolo elenco di personaggi , quasi tutti ,impresentabili o, quantomeno,  per nulla incisivi o determnanti (in modo positivo) nella nostra difficile realtà.
 Ecco, per me il siciliano dell'anno è proprio lui il dottor Nino Di Matteo.

p.s. .. e poi, per coerenza e affinità con i magnifici 10 mancherebbe anche il nostro  caro Governatore Rosario Crocetta!!!!!

vi invito, infine a tempestare il sondaggio di livesicilia con la candidatura di Nino di Matteo

p.p.s. parlo di ritorsioni informatiche in quanto questo stesso mio voto-commento (in forma ridotta ed anche ammorbidita ) lo avevo postato proprio nell'apposito spazio che Livesicilia ha dedicato alle votazioni motivate dei lettori che partecipavo al sondaggio. Ebbene, il mio commento non è stato mai pubblicato.... in attesa del giudizio del moderatore. Insomma censurato in toto!!

Non mi sono arreso ed ho spedito il solo nome di Di Matteo, senza altro aggiungere. E  questo, devo dire per obbligo di correttezza, lo hanno pubblicato!

pippo vinci

lunedì 28 dicembre 2015

Vazquez, un superman

Molti rifosi lo ritengono poco tenace, depressso, demotivato non discontinuo. Invece, dalle statistiche ufficiali il n 20 0del Palermo Franco Vazquez risulta un superman. Ecco, di seguito, l'articolo ripreso da mediagol. E speriamo he questo serva per fare ricredere molti tifosi che già non lo sopportano più.

Il 2015 sta volgendo al termine. Gli istituti di statistica applicata al calcio stilano le classifiche. E nell’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ c’è spazio anche per tutti i record dell’anno in Serie A. Dribbling e pali, ma anche falli e tanti palloni recuperati.

Chi comanda ben quattro classifiche è il fantasista del Palermo, Franco Vazquez. I numeri confermano: il Mudo resta un formidabile dribblatore. Vazquez ha superato l’avversario diretto 135 volte, un terzo in più rispetto ai primi inseguitori, Felipe Anderson e Bruno Peres. I mostri del calcio europeo, inoltre, non sono nemmeno lontani; Leo Messi di dribbling ne ha fatti 167, Eden Hazard 141. Il numero dei legni colpiti lo rendono, invece, il giocatore più sfortunato del 2015. Pali e/o traverse lo hanno fermato otto volte.

Lento e indolente? Macché, l’italo-argentino è anche il giocatore che ha fatto più falli (102) e nessuno ne ha subiti di più (172) di lui, in Italia e anche in Europa. Ma non solo. Il dato che sorprende di più è quello dei palloni recuperati. Sì, perché dietro Nainggolan (262) e Allan (261) c’è proprio Franco (257), terzo davanti a Medel. Ed è pure quinto per cross, in mezzo a terzini e ali; e quinto per occasioni create (69). “Il Superman della Serie A”, lo definisce la ‘Rosea’. “Messo tutto nello shaker, esce un giocatore totale che non va ingabbiato, che ‘deve’ partire non troppo vicino alla porta per esprimere potenza e tecnica. Ecco, ora guardate meglio: magari non si vede la S di Superman ma la Z di Zidane”, si legge.

domenica 27 dicembre 2015

La trazzera vintage (17): le rimpatriate


Con loro hai diviso gli anni migliori della tua vita, hai scherzato, hai tramato, hai litigato, hai amato, hai sognato.

Poi sono passati i mesi, gli anni, i lustri, i mezzi secoli e un giorno.... succede!

ORE 15,30. Giovedì. Primavera inoltrata. Hai appena finito di pranzare ed è l'ora delle pillole per la pressione, il colesterolo, l'ipertrofia prostatica e via soffrendo. Già stai pregustando il sonnellino di mezza giornata. Un sonnellino senza programmi. Forse durerà 20 minuti. Forse 3 ore. L'importante non è ....finire, ma cominciare.

Ma suona il telefono. Non il cellulare, no. Il telefono quello vero.

"... si? pronto?!..
".. pronto, sei Giuseppe Vinci?.."
".. si, chi parla?.."
".. sono Pintaudi!"
" CHI?!??!"
PIN-TA-U-DI, non ti ricordi? Eravamo compagni in terza media, al Garibaldi...."

E' l'inizio di una delle più grandi tragedie del 2° e 3° millennio: la rimpatriata!

Ci sono caduto una volta sola. E mi sono ritrovato a cenare in un noto e caratteristico ristorante del centro storico con un gruppo di persone che , praticamente , non conoscevo. E neppure riconoscevo. Persone completamente fuori dal mio mondo contemporaneo.

Nessuno di loro aveva mantenuto la fisionomia di allora. Non dico il peso, quello era mediamente triplicato, ma la impalcatura estetica. Si, proprio la forma dell'oggetto corpo era completamente difforme da quella che si aveva 40 anni fa.

Facendo mentalente il confronto tra i due oggetti omonimi quello che mi stava accanto era peggio di una caricatura. Era un mostro. E lo stesso dovevo apparire io ai suoi occhi. E voglio limitarmi all'espetto estetico. Il più evidente.

Ma se dovessi ora confrontare gli aspetti umani a distanza di 40 anni , direi proprio che la 3^ I del "Garibaldi" 1969 era defunta. Non esisteva più.

Ma il peggio viene quando si deve cominciare a chiacchierare fingendo di conoscersi, di essere vecchi amici. Ma quando mai!!!??

Ecco gli argomenti trattati ed i tempi dedicati:
1- i primi 7 - 8 minuti sono utilizzati per riconoscersi. "Sei Rizzo Pietro?...ma non ci posso credere!..."
2 - poi trascorrrono 20 minuti per dirsi quello che uno fa "... autista di autobus? Ma io non ti ho incontrato mai sul 101! - "..è perchè non lavoro a Palermo, ma a Sciacca; sai, mi sono sposato lì! Poi mia moglie è morta ma io sono rimasto per i figli."
3 - 40 minuti servono per ri-insultare i vecchi professori, oggi tutti morti. " quella pulla della Rizzo...";".. quel porco di La Fata"!
4 - 2 ore di nulla, imbarazzo e voglia di finire e di non farlo più.
5 - 8 minuti per salutarsi in fretta e scambiarsi numeri di telefono da cancellare appena giunti al parcheggio del ristorante.

Queste sono le rimpatriate. Statene lontano! E comportatevi così:

... si? pronto?!..
".. pronto, sei Giuseppe Vinci?.."
".. si, chi parla?.."
".. sono Pintaudi!"
" CHI?!??!"
PIN-TA-U-DI, non ti ricordi?Eravamo compagni in terza media, al Garibaldi...."
"...ehm..scusa ma ci deve essere un'omonimia io non ho mai avuto un compagno di nome PINTAUDI!"

E tornate felici alla vostra terapia contro la ipertrofia prostatica. Ogni cosa a suo tempo!

(pippo vinci)

sabato 26 dicembre 2015

la strana foto


che vuol dire augurarsi "buon natale" ?

Ogni anno , a decorrere dall' 8 dicembre più o meno) nel mondo cristiano  ci si scambiano gli auguri di Natale. "buon natale a te famiglia".

Ma cosa significa augurarsi il Buon Natale? Dopo una breve e superficiale (ammetto) ricerca sul web, ecco quali sono secondo alcuni possibili significati di questo rituale augurio


1. In fondo, il vero significato del Natale è questo: non che “un bimbo è nato in noi”, ma che da oggi le giornate saranno sempre meno buie e sempre più luminose. E' una bella notizia, e dunque Buon Natale a tutti: del Sole Invitto, naturalmente!

2. + o - "spero che tu possa passare le feste di fine anno e inizio anno nuovo nel miglior modo possibile" (che poi sia detto veritiero o no è un altra cosa)

3.è il giorno della nascita di cristo quindi è un giorno che dovrebbe dare a tutta l'umanità un pò di pace e far capire che lui è morto per tutti noi e per darci un pò di speranza. Un giorno in cui gioire ed augurare gioia a tutti e non pensare ai regali.
se vogliamo essere fiscali sulla terminologia Buon Natale vuole dire : Buona Nascita quindi diventa un augurio di rinascita interiore e personale da perseguire tramite la fede


4.Buon Natale significa: "Che Gesù Cristo possa rinascere in te!"

5. buona festa, , buon proseguimento, festeggialo bene in famiglia,siate sereni . oggi nasce Gesù, preghiamo per lui, per tutto il mondo

6.A Natale si nasce. Per nascere si deve essere pronti a morire: così noi ogni anno con l’evento del natale moriamo a ciò che rappresentiamo di noi e del mondo per noi stessi e abbiamo la possibilità di rinnovarci.

7 a Natale si può fare di più", non è negativo come pensavo (perché ricordarsi del prossimo solo a Natale!) ma un momento per guardare con occhi nuovi ciò che davvero vale nella nostra vita... Forse sono parole scontate, banali o patetiche, ma ho voluto comunque condividerle.

8. Festeggiare il Natale non è il ricordo di un evento passato, ma esso «rinnova la certezza che Dio è realmente presente in mezzo a noi, è vicino a noi. E noi possiamo incontrarlo oggi, in un presente che non ha tramonto».

qualunque cosa significhi, buon Natale agli amici della Trazzera

mercoledì 16 dicembre 2015

La regione tappìa* i suoi stessi figli




http://video.repubblica.it/edizione/palermo/expo-i-viaggi-a-sbafo-della-regione-siciliana-parla-direttore-dell-hotel-a-palermo-non-risponde-nessuno/222370/221601
Emanuele Vitrano Catania
Emanuele Vitrano è un agronomo palermitano che ha fatto fortuna a Milano nel settore alberghiero. Vitrano oggi gestisce la prestigiosa catena  Brera Hotels .

In questa videointervista, rilasciata a Repubblica.it, l'imprenditore siciliano, amico,  frequentatore e collaboratore del nostro blog, denuncia la Regione Siciliana per non avere ancora saldato un conto di 4.500 (o 6.000) euro per un soggiorno di funzionari regionali presso 2 dei suoi alberghi, (il  4 stelle Brera ed il 3 stelle Zurigo) ubicati nel cuore di Milano, in occasione dell'Expò.

Ma i tappiàti* dalla Regione Siciliana per la organizzazione del cluster bio mediterraneo sono stati molti, tra cui anche fornitori di cannoli, capperi , arancine, posate e poi grafici, stagisti, istallatori ecc ecc. Il debito verso questi fornitori di beni e servizi ammonterebbe (secondo fonti giornalistiche che non possiamo verificare) a circa 2 milioni di euro.

Ma ammesso, e non concesso, che questi soldi vengano prima o poi pagati, quale sarà stato o quale sarà, per la Ragione Siciliana, il beneficio di questa onerosa avventura alla fiera mondiale del magna magna, pomposamente chiamata Expò Universale?

Clicca sull' immagine e ascolta la clamorosa denuncia

*Tappiàre= raggirare, truffare, imbrogliare, depredare, fottere, fregare, turlupinare, rubare....

lunedì 7 dicembre 2015

Roberto Stecchino

il cantautore roberto vecchioni
Gentile signor Roberto Vecchioni

...ma come, arrivi a Palermo, sbarchi all'aeroporto di Punta Raisi (oggi aeroporto Falcone e Borsellino), prendi un taxi e lungo l'autostrada non puoi non vedere, a destra, i cumuli di spazzatura che sommergono la corsia laterale, a sinistra, lo schermo di casette abusive che coprono la vista dello spettacolare mare della costa ovest.

Passi da Capaci e ti sfugge la stele dedicata al giudice Falcone nel punto esatto dell'autostrada dove il magistrato è stato ucciso.

Finalmente arrivi in città e quello che ti colpisce è la macchina lasciata addirittura  in terza fila....
Mannaggia, non si circola.


In sostanza quello ti fa  impressione, a venticinque anni dal film di Benigni, è il traffico, la terza piaga.


Come diceva il grande Petrolini non bisogna prendersela con te, ma con chi, scambiandoti per un intellettuale, per una persona che lavora con le parole e ne conosce il peso, ti ha messo a disposizione una cattedra e un microfono.

In fondo bisogna pur capire, sei solo un cantante ed ogni tanto può capitare di  prendere una stecca.

Da oggi, per me e per qualche siciliano di buone speranze, sarai solo Roberto Stecchino

maurizio busè

lunedì 30 novembre 2015

Mostra di Nicolicchia alla libreria del mare a Palermo

Inaugurazione Giovedì 3 dicembre alle ore 18,30  
alla Cala, accanto al meusaro

Degustazione vini offerti da Robertone!

sabato 28 novembre 2015

11 settembre 2001: seguite questo video e diventerete ...complottisti!

https://youtu.be/ERjxmVztL-c
Un video che parla del 3° grattacielo crollato "misteriosamente" l'11 settembre 2001, subito dopo il collasso delle  torri gemelle.

E' questa la pistola fumante in mano a chi sostiene la versione ufficiale :. Un edificio crollato inspiegabilmente senza che nessun aereo lo lo colpisca o lo sfiori. Può un piccolo incendio provocare un crollo simmetrico di un gigante di acciaio. No, non può! Lo dicono decine di  ingegneri, architetti e testimoni.
 Basta così.
Guardate il video (dura meno di 15 minuti). Scommettiamo che vi convicete pure voi? cliccate sull'immagine

lunedì 23 novembre 2015

La vertà sul terrorismo islamico ce la racconta un ex marine degli USA, non un complottista!

https://youtu.be/_d8ucuphAx8
Ken O'Keefe è un ex-Marine degli Stati Uniti, di origine irlandese che ha rinunciato alla cittadinanza americana nel 2001.

Quello che dice in questa intervista è clamoroso, ma reale ; soprattutto è clamorosa la semplicità, la sintesi  e la chiarezza. Cosa che, stranamente, manca alla maggior parte dei commentatori dei media occidentali o, naturamente , ai politici che muovono le fila della sceneggiata

E non essendo in un talk show italiano, O'Keefe riesce ad esprimere a fondo il suo pensiero. E spiega perchè questi "sedicenti"terroristi islamici non attacchino mai quello che dovrebbe essere il loro principale obiettivo: Israele!
Seguite la intervista e rifettete su quello che dice il marine.
Non vogliamo convincervi, ma almeno ascoltate una versione un po' differente una diversa chiave di lettura sul cosidetto terrorismo "islamico" che sta insangunando i mondo intero (quasi intero)

sabato 21 novembre 2015

guerrristi e pacifisti

Il generale USA Wesley Clark
Dopo i tragici e reiterati avvenimenti terroristici che interessano oramai tutto il pianeta (La cattolicissima America latina esclusa!), l'opinione pubblica, non da ora , si è divisa in due fazioni. quelli che applicano la legge del taglione e vogliono educare gli avversari con la violenza, e quelli che vorrebbero ricorrere metodi diplomatici e pacifisti.

Premetto che io sto dalla parte dei secondi per varie ragioni.
1. ammazzare non è mai una soluzione e se una civiltà "evoluta" si autodefinisce tale, la risposta violenta , la pena capitale, la legge del taglione, la vendetta, non dovrebbero essere soluzioni da adottare

2. ogni omicidio , ogni genocidio,ogni efferata violenza comporta una responsabilità personale di chi la compie. E' scritto, credo, in tutti i codici penali di tutti i paesi considerati civili ed evoluti. Non è possibile , per tutta risposta , uccidere ulteriori innocenti .E se chi commette l'efferatezza omicida si autoimmola cedendo la sua vita per una causa che lui crede giusta, è proprio insensato rispondere con altrettanta ferocia. Il colpevole è morto, il processo penale va chiuso, ma è chiaro che bisogna idagare sulle cause di questo "sacrificio omicida" e rimuoverle.Non saranno certo gli innocenti uccisi con i droni che potranno placare il Kamikazzismo dilagante. Tranne che non vogliamo semplicemente punire la "razza" cui appartengono i kamikazzi. Sarebbe, pù o meno come bombardare la Sicilia ad ogni strage commessa dalla mafia. UGUALE!

3. Da che mondo è mondo se c'è una guerra,ci sono morti innocenti, ci sono delinquenti che lucrano sulla vendita delle armi, ci sono persone che muoioni di fame, ci sono profughi. Vogliamo icrementare queste tragedie?

4. Da che mondo è mondo, ammesso che si possa individuare il nemico da combattere (cosa ancora non certa) l'unica maniera per far terminare i lutti   in modo civile è quello di trattare, si trattare. Se il nemico è lo stato Islamco  (ma lo è?) che male c'è a trattare con il Califfo? Qualcuno ha mai chiesto a questo califfo che cazzo vuole  per fermare gli attentati?.Qualcuno gli ha mai telefonato, gli ha mai mandato un ambasciatore, lo ha mai invitato per saper che minkia vuole?  Ci dobbiamo solo fidare di filmati e proclami trasmessi in mondovisione? Oggi un filmato simile lo può fare chiunque. Siamo sicuri che non siano fasulli, fatti solo per spingerci all'odio ed alla guerra? Ecco c'è il sospetto che la verità sia propiro un'altra e sia da nascondere. Ossia che non ci sia proprio questo Stato Islamico o che non sia esattamente quello che ci vogliono fare credere.

5. E allora, indaghiamo (se vogliamo veramente risolvere il problema) . E se non si fa, credo che chi ci spinge a bombardare il medioriente sia interessato a creare questo clima di caos e di paura. Tanto che chi lo fa (Obama, Hollande, Nato, Putin ecc) si esprime sempre in modo troppo deciso, troppo imperativo, troppo coerente con tutti i colleghi interventisti.  Un po' sospetto per degli statisti, dei diplomatici, dei premier, no? Persino per intervenire contro Hitler, il mondo occidentale era diviso, si discuteva, si aspettava. E  e gli stessi Stati Uniti aspettarono ben 2 anni prima di decidersi ad intervenitre contro il più efferato criminale della storia recente.

6 siamo reduci da un ventennio di guerre asurde , inutili edimmotivate che hanno prodotto solo, fame, distruzione e terrorismo. Vogliamo continuare su qesta strdada?. E questo lo ammettono tutti i colpevoli di questi sbagli, da  Clinton a  Bush a Powel a Sarkozy, da Blair al generle USA Wesley Clark* (clicca qui)


*Wesley Kanne Clark (Chicago, 23 dicembre 1944) è un generale statunitense, ritiratosi nel 2000. Si è laureato a West Point, ed è stato premiato con una borsa di studio Rhodes presso l'Università di Oxford dove ha conseguito la laurea in Filosofia, Politica ed Economia, e successivamente si è diplomato al "Command and General Staff College" con una laurea in scienze militari. Ha trascorso 34 anni nell'esercito e nel Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, ricevendo molte decorazioni militari, tra cui una Medaglia presidenziale della libertà.
Clark ha comandato l'Operazione Allied Force nella guerra del Kosovo, durante il suo mandato come Supreme Allied Commander Europe della NATO dal 1997 al 2000.[1]
Clark ha partecipato alle primarie per la nomination presidenziale del 2004 del Partito Democratico come candidato, dal 17 settembre 2003, ma si è ritirato dalle primarie l'11 febbraio 2004, dopo aver vinto le primarie nello Stato dell'Oklahoma, in seguito appoggiò il candidato democratico John Kerry. Clark attualmente è co-presidente di Growth Energy, una lobby sull'etanolo.[2]
Dal 2012 conduce un reality show sull'addestramento militare per la NBC[3].
Ha suscitato scalpore la dichiarazione di Wesley Clark in un'intervista resa alla CNN nel 2015 nella quale il generale ha affermato, senza mezzi termini, che "il gruppo terrorista dell’SIS (Stato Islamico) è stato creato dagli amici ed alleati degli Stati Uniti per combattere contro il Movimento di Resistenza Islamica del Libano (Hezbollah)”.


mercoledì 18 novembre 2015

gli estremisti sono contro tutti

gli estremisti islamici che ce l'hanno con loccidente degli infedeli??


leggete qua

" ...Un altro attentato di Boko Haram in Nigeria, nello stesso posto dove, meno di un mese fa, aveva dato l’assalto a una moschea. Il 17 novembre il gruppo fondamentalista islamico legato all’Isis ha colpito una stazione per camion nella città di Yola, nel nordest del Paese, causando la morte di almeno 32 persone e il ferimento di altre 80. Secondo quanto riferito dalla polizia, le vittime sono per la maggior parte venditori o passanti. Neanche un mese fa i Boko Haram avevano attaccato alcune moschee, tra cui una a Yola, uccidendo 42 persone e ferendone un centinaio. In sei anni di guerra, i fondamentalisti hanno ucciso almeno duemila persone, in gran parte civili...."

un minuto di silenzio per i fratelli nigeriani vittime come i Parigini no?

alla faccia di Salvini e company. Come si vede il problema è molto più grande di come alcuni lo raccontano

ecco la notizia completa . clicca qui


lunedì 16 novembre 2015

Dalla Bibbia, parole di ...Pace

Salmi
[9]La tua mano raggiungerà ogni tuo nemico,
la tua destra raggiungerà chiunque ti odia.

[10]Ne farai una fornace ardente,
nel giorno in cui ti mostrerai:
il Signore li consumerà nella sua ira,
li divorerà il fuoco.

[11]Sterminerai dalla terra la loro prole,
la loro stirpe di mezzo agli uomini. 

[12]Perché hanno ordito contro di te il male,
hanno tramato insidie, non avranno successo.


[13]Hai fatto loro voltare le spalle,
contro di essi punterai il tuo arco.


[14]Alzati, Signore, in tutta la tua forza;
canteremo inni alla tua potenza.

Ma quanto sono democratici questi americani!!!

clicca sull'immagine
la cosa più convolgente è l'atteggiamento degli altri studenti che guardano l'accaduto con espressione ebete e senza difendere lo studente!
Beh, sono americani pure loro, no?

Il reato contestatogli è stato "incitamento alla rivolta" ("inciting a riot), al quale si sono aggiunti "resistenza a pubblico ufficiale" e "disturbo della quiete". Ha passato una notte in prigione e poi ha accettato una "messa in prova" di 18 mesi e le accuse sono cadute.
Ovviamente, ai poliziotti non è stato contestato legalmente nulla circa il loro operato.

Per la serie: ve la do io la democrazia.


clicca su questo link per sapere tutto sullo studente

https://en.m.wikipedia.org/wiki/University_of_Florida_Taser_incident#Student

domenica 15 novembre 2015

Pandora TV , una visione diversa del mondo

http://www.pandoratv.it/
Ecco  Pandora TV vi troverai tutto quello che i media non vi dicono,  una nuova interpretazione dei fatti

Dai uno sguardo al sito e ti renderai conto che quello che sai potrebbe essere ....... incompleto, manipolato, parziale, deviante.

E se non sei d'accordo con Pandora, almeno avrai sentito un'altra voce un'altra campana un'altra interpretazione della realtà. Clicca sull'immagine e segui i servizi e le news di Pandora TV

Isis ontro Russi e Libanesi.. ma l'occidente se ne fotte

....nel frattempo l'Isis, grazie a Putin finalmente in difficoltà sul terreno, ha esportato il suo terrore. Ha abbattuto sul Sinai un aereo di turisti russi (224 morti, molti più di quelli di Parigi) ma a noi (che adesso diciamo che quelli di Parigi sono attacchi "conto l'umanità") è importato poco. Ha rivendicato una strage in un mercato di Beirut (41 morti), in Libano, e ce n'è importato ancor meno. E poi si è rivolto contro la Francia....e qui l'Occidente si è indigato! Ammazzino chi vogliono, ma noi no!


testimonianza rilasciata da Hermann Goering al processo di Norimberga, il 18 aprile 1946:
Come si porta un popolo alla guerra

"Naturalmente la gente comune non vuole la guerra: né in Russia, né in Inghilterra, né in Germania. Questo è comprensibile. Ma, dopotutto, sono i governanti del paese che determinano la politica, ed è sempre facile trascinare con sè il popolo, sia che si tratti di una democrazia, o di una dittatura fascista, o di un parlamento, o di una dittatura comunista. Che abbia voce o no, il popolo può essere sempre portato al volere dei capi. È facile. Tutto quello che dovete fare è dir loro che sono attaccati, e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo, in quanto espongono il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in tutti i paesi"
 

martedì 10 novembre 2015

normale, no?

qualcuno ha il coraggio di affermare che questo fenomeno è naturale o provocato da jet di linea?





https://youtu.be/qLBk4yQL5O0
Ma già da tempo gli americani hanno confermato quello che i "complottisti" affermano da tempo. I ciei sono irrorati da sostanze chimiche per vari scopi nons empre compatibili con la salute del genere umano. clicca sulla foto del jet e segui il video.